Quotidianosanita.it

Il primo quotidiano on line interamente dedicato al mondo della sanità
  1. Il Ddl Antiviolenza è legge. L’Aula del Senato lo approva all’unanimità. Sanzioni fino a 5.000 euro e pene fino a 16 anni
    Ok all’unanimità da parte dell’Aula di Palazzo Madama al provvedimento per la tutela della sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitari. Tra le novità anche l’istituzione di un Osservatorio nazionale.Previsti protocolli operativi con le forze di polizia per garantire interventi tempestivi.  In caso di lesioni o percosse vi sarà la procedibilità d’ufficio. IL TESTO
  2. Liste d’attesa. Nel Dl Agosto arrivano 500 mln. Più risorse al personale, aumenta tetto spesa per il privato e possibilità di refertare per specializzandi dell’ultimo anno
    Per recuperare le prestazioni ambulatoriali, screening e di ricovero ospedaliero non erogate durante il lockdown il Governo ha messo a punto una serie di misure. Facoltà da parte delle regioni di ricorrere a prestazioni in libera professione con compensi maggiorati, aumento monte ore specialistica ambulatoriale e incremento dell’1% del tetto di spesa per l’acquisto di prestazioni da privato. Nel decreto chiarita anche la questione del bonus Covid.
  3. Farmaci. Rapporto Osmed di Aifa: aumentano i consumi e la spesa che nel 2019 arriva a 30,8 mld
    I dati mostrano che ogni italiano ha assunto in media 1,6 dosi di farmaco al giorno, per una spesa media pro capite di 510 euro (390 euro a carico del SSN). L’incremento della spesa è dovuto ai farmaci acquistati dalle strutture pubbliche (+18,3%) e all’acquisto privato dei farmaci di (classe A: +13,5%; classe C: +6,6%). La quota rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale è stata il 76,4%. IL RAPPORTO
  4. Covid. “Sono 1 milione 482 mila le persone che hanno sviluppato gli anticorpi”. I primi risultati dell’indagine Istat-Ministero della Salute
    Le persone che sono entrate in contatto con il virus sono dunque 6 volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia, attraverso l’identificazione del RNA virale. La Lombardia raggiunge il massimo con il 7,5% di sieroprevalenza: ossia 7 volte il valore rilevato nelle regioni a più bassa diffusione, soprattutto del Mezzogiorno. L’INDAGINE
  5. 11° Monitoraggio Covid. Situazione peggiora: trend in crescita in 16 Regioni. Sono 736 i focolai attivi. Ministero e Iss: “Sistema sembra reggere bene, ma occorre prestare attenzione”
    Registrato nell'ultima settimana un rischio d’impatto sui servizi sanitari ‘moderato’ in 13 Regioni. Ma non solo, sono state segnalate allerte in Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Puglia e Sardegna. Seppur sempre sopra la soglia, cala in molte regioni la capacità del sistema di monitorare l'epidemia. Indice Rt nazionale poco sotto l'1 anche se nell'ultima settimana sono 6 le regioni ad aver superato la soglia. Età media nuovi casi è di 40 anni. Rezza: “Continuare a tenere compartamenti prudenti”. IL RAPPORTO INTEGRALE